Aggiornamenti toponomastici di maggio

0
92
Calendar May 2018 Cute
image_pdfimage_print

3 maggio – L’aula della 1°A LSU dell’Istituto Benini di Melegnano è stata intitolata a Franca Viola. Si conclude così il lavoro che la classe ha presentato alla quinta edizione del concorsoSulle vie della parità, col quale, dopo un approfondimento del diritto di famiglia e lo studio della disciplina del matrimonio riparatore nella legislazione italiana, ha scelto la figura di Franca Viola tra le donne vittime di mafia.

Foto 1

3 maggio – Cerimonia di chiusura al palazzo della Cultura di Catania della terza edizione del progetto Un Giardino delle Giuste e dei Giusti in ogni scuola, indetto dalla Fnism (Federazione Nazionale Insegnanti) di Catania e Toponomastica femminile. Tante le scuole presenti, dalla Sicilia e non solo: è arrivato anche un gruppo di studenti e insegnanti svedesi. Sono state raccontate e scoperte storie inedite di donne e uomini per cui le scuole creano Giardini di memoria. “Ogni Giardino meriterebbe un racconto a sé. Non è soltanto il risultato di un lavoro di ricerca e conoscenza. È anche un viaggio di consapevolezza e ripensamento della storia, – ha detto Pina Arena, ideatrice e coordinatrice del progetto – è un atto di amore per la Terra che li ha generati e che ora accoglie gli alberi di memoria”.

Foto 2

5 maggio – Nell’I.C. Santa Caterina di Cagliari è stata inaugurata la mostra Le Madri della Repubblica, con la partecipazione di Agnese Onnis, referente di Tf per la Sardegna. La mostra sarà visitabile dalle scuole dell’isola, in occasione della manifestazione Monumenti aperti.

Foto 3

5 maggio – Al circolo Acrase Maria Lai di Roma, presentazione del libro I movimenti degli anni 70 fra Sardegna e continente, a cura di Federico Francioni e Loredana RosenKranz. Ha introdotto Maria Vittoria Migaleddu. Per Toponomastica femminile Per Toponomastica femminile, testimone Livia Capasso, che ha illustrato le iniziative dell’associazione a favore della parità di genere.

foto 4

5 maggio – È partita la missione InSight della Nasa diretta verso Marte, con a bordo Toponomastica femminile. Il lancio è avvenuto alle 13,05 italiane, dalla costa occidentale degli Stati Uniti, dalla base californiana di Vandenberg. nonostante le condizioni meteo non ottimali. La sonda comincerà il suo lungo viaggio, che prevede l’arrivo a Marte il 26 novembre 2018, nella regione vulcanica chiamata Elysium Planitia.

Foto 5

9 maggio – Toponomastica femminile nelle aree verdi imolesi. Sono ventuno i giardini che la commissione toponomastica ha dedicato ad altrettante donne all’interno del progetto Tf. Queste le figure femminili scelte: Tina Anselmi, Hannah Arendt, Emanuela Sansone, Ondina Valla, Sibilla Aleramo, Teresa Gullace, Anna Maria Mozzoni, Maria Grazia Lombardi, Giuseppina Strepponi, Vittoria Guadagnini, le sorelle Mirabal, Rita Levi Montalcini, Nella Marcellino, Vittorina Dal Monte, Margherita Hack, Giulia Cavallari, Giovanna Tabanelli, Hina Saleem, Ildegarda di Bingen, Audre Lorde, Sabina Santilli. Il percorso si conclude con la targa dedicata a “Le Lavandaie”.

Foto 6

9 maggio – Università di Caltanissetta, Una giornata per Tina, in ricordo di Tina Anselmi – Per Toponomastica femminile è intervenuta Ester Rizzo.

Foto 7

13 maggio – Ad Ausonia (FR), cerimonia di intitolazione di una piazza all’ostetrica Iliana Tosti, con l’intervento della presidente di Tf, Maria Pia Ercolini.

Foto 8

14 maggio – Al Salone internazionale del libro di Torino, premiazione di Aicha Fuamba, autrice del Concorso Lingua Madre, con l’intervento di Loretta Junk, referente di Tf per il Piemonte, che presenta il progetto dell’associazione. Il Concorso Lingua Madre, in collaborazione con Toponomastica Femminile, ha avviato le procedure per intitolare una strada di Pantelleria alla madre di Aicha Fuamba, Leonie Mujinga Muteba (originaria del Congo), morta sulle coste dell’isola a causa di un naufragio.

Foto 9

16 maggio – Con l’intitolazione della sala riunioni dell’ITC Gentili di Macerata alla prima donna diplomata all’ITC, Maria Simonetti, si conclude il lavoro che la 4° D dell’istituto ha presentato alla quinta edizione del concorso Sulle vie della parità. L’ITC è nato nel 1864, nel suo archivio sono conservati i vecchi registri delle ‘classificazioni’ e delle ‘licenze’ e da una ricerca sulle ragazze che hanno frequentato la scuola a partire dalla sua fondazione, risulta che Simonetti Maria si è diplomata nel 1899-1900 ed è stata la prima donna a diplomarsi a Macerata nell’ambito degli studi tecnici. Maria è nata nel 1878, è morta nel 1922, ha fatto l’insegnante e ha potuto vivere in modo autonomo del suo lavoro. Alla cerimonia presenti anche i suoi attuali discendenti.

Foto 10

A breve – Ad Avola sarà intitolata ad Adelia Cagliola la scuola dell’infanzia di via Galeno. L’iniziativa è sostenuta dall’amministrazione comunale, da Fidapa e da Toponomastica femminile per ridurre il gap di genere presente nella toponomastica avolese.

Adelia Cagliola, allieva di Luigi Pirandello, fu educatrice, intellettuale impegnata, scrittrice, demologa e raccoglitrice di canti tradizionali avolesi, che trascrisse illustrandoli in un volume intitolato “I canti popolari in Sicilia”.

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteGiulia Pastorino: colore, ritmo e movimento
Articolo successivoL’ambiente e la guerra, la scuola e la pace
Laureata in Lettere moderne con indirizzo storico-artistico alla Federico II di Napoli, è stata docente di Storia dell’arte nei licei dal 1976 al 2010. Socia cofondatrice e vicepresidente di Toponomastica femminile, è tra le organizzatrici e le relatrici dei convegni nazionali, allestisce mostre fotografiche e documentarie sulle attività femminili, pubblica articoli sulle stesse tematiche per giornali on line e riviste cartacee, segue i progetti didattici dell’associazione e presiede la giuria nel concorso nazionale “Sulle vie della parità”. capasso.l@impagine.it